La città degli specchi

Giornate di studio 7,8,9 Aprile 2016

… prima di arrivare al verso finale, aveva già compreso che non sarebbe mai più uscito da quella stanza, perché era previsto che la città degli specchi (o degli specchietti) sarebbe stata spianata dal vento e bandita dalla memoria degli uomini […]  e che tutto quello che vi era iscritto era irripetibile da sempre e per sempre, perché le stirpi condannate a cent’anni di solitudine non avevano una seconda opportunità sulla terra
G.G. Márquez, Cent’anni di solitudine

 

Annunci